Attualità



Ofac Pharmacy Awards 2022 - Irina Botnaru, Maïlys De Lise, Susane Galliker

1° premio: Irina Botnaru (a sininstra) - 2° premio: Maïlys De Lise (a destro) - 3° premio: Susanne Galliker (Non presente alla cerimonia di premiazione)

Ofac Pharmacy Awards 2022

Logo Ofac Pharmacy Awards 2022

16 novembre 2022 - Gli Ofac Pharmacy Awards 2022 hanno premiato i migliori lavori di master delle università svizzere.

 

La settima edizione degli Ofac Pharmacy Awards ha premiato tre studentesse di farmacia per la qualità del loro lavoro di master da un’ottica dell’attività pratica delle farmacie. Le prime due laureate provengono dall’Università di Ginevra e la terza dall’Università di Basilea. La consegna dei premi si è tenuta venerdì scorso, 11 novembre, a Ginevra, nell’ambito della cerimonia di consegna dei diplomi della facoltà di scienze dell’Università di Ginevra.
Ai tre studenti vincitori è stato consegnato un premio in denaro. Inoltre è stato proposto loro di svolgere uno stage remunerato di 6 mesi in una delle società del gruppo Ofac.

Quest'anno un numero record di 27 lavori di master di studentesse e studenti delle 4 facoltà di farmacia della Svizzera (Ginevra, Basilea, Berna e Zurigo) è stato sottoposto agli OPA.

  • 1° premio: Irina Botnaru, residente a Rueyres (VD), Università di Ginevra

    Titolo della tesi di Master: Pertinenza clinica e integrazione nella cura del paziente dei prodotti medici dispensati su prescrizione del farmacista (lista B dei farmacisti).

    Realizzato sotto la supervisione del dott. Jérôme Berger, questo lavoro mira a valutare la pertinenza clinica dei prodotti medici che i farmacisti possono prescrivere (lista B+), rispetto a quelli disponibili nella categoria D (OTC), e di analizzare in che modo questi prodotti medici sono stati integrati dalle farmacie d’officina nella cura dei pazienti.

    Opinione della giuria
    Il prof. Nicolas Schaad, presidente della giuria, ha affermato a proposito di questo lavoro: «Questa nuova lista B a disposizione delle farmacie d’officina permette di meglio far fronte alle patologie riscontrate in farmacia? La lista D ha ancora ragione di esistere? Basato su un sondaggio condotto presso circa 300 farmacisti in tutta la Svizzera, il lavoro di Irina Botnaru mostra che la lista B+ viene ancora poco utilizzata dai nostri colleghi, mentre ci si continua ad avvalere della vecchia lista D per la consulenza farmaceutica. La sua analisi molto pertinente consentirà sicuramente di proporre in futuro una nuova lista B+ che comprenderà medicamenti in grado di meglio soddisfare le esigenze dei nostri pazienti.»

  • 2° premio: Maïlys De Lise, residente a Neuchâtel (NE), Università di Ginevra

    Titolo della tesi di Master: Soddisfazione e preferenze della popolazione nei confronti della farmacia nella gestione di una pandemia: feedback sul COVID-19 e opportunità.

    Opinione della giuria
    Secondo il dott. Jean-François Locca, membro della giuria: «Questo studio, che analizza la percezione della popolazione nei confronti delle farmacie durante la pandemia del COVID-19, mostra che la lotta contro la pandemia e l'introduzione di servizi specifici (test di screening, vaccinazioni) sono stati giudicati positivamente da oltre l'82% delle persone che hanno partecipato al sondaggio. Il contributo del farmacista e dei suoi team riveste un ruolo essenziale per la popolazione nell'ambito di un approccio di salute pubblica.»

  • 3° premio: Suzanne Galliker, residente a Balsthal (SO), Università di Basilea

    Titolo della tesi di Master: Promozione della comunicazione tra le farmacie d’officina e d’ospedale di Soletta per migliorare la continuità delle cure.

    Opinione della giuria
    La dott.ssa Isabelle Arnet, membro della giuria, ha precisato: «nel lavoro di Susanne Galliker abbiamo apprezzato l'aspetto intraprofessionale fra farmacie d’officina e d’ospedale di fronte a ricette emesse dall’ospedale. La laureata ha potuto mostrare che le farmacie d’ospedale sono state in grado di rispondere al 52% delle domande poste dalle farmacie d’officina senza contattare il medico. A questo proposito sembrano essere necessarie la creazione di una hotline e l’introduzione di un aiuto per le farmacie d’officina.»

Ofac Pharmacy Awards

Ofac Pharmacy Awards sono stati lanciati nel 2016 dalla cooperativa professionale dei farmacisti svizzeri allo scopo di incoraggiare gli studenti e le studentesse di master delle facoltà di farmacia del Paese a sfruttare il loro potenziale innovativo e a immaginare il futuro della loro professione. Questo premio viene assegnato a lavori di master che apportano un contributo innovatore e originale all’attività pratica delle farmacie. La giuria è composta da professionisti della farmacia provenienti sia dal mondo accademico che da quello delle farmacie.

La giuria degli Ofac Pharmacy Awards 2022

  • Prof. Nicolas Schaad (presidente): professore all'università di Ginevra e capo farmacista presso la Pharmacie Interhospitalière de la Côte
  • Dott.ssa Isabelle Arnet: libera docente, responsabile dell'insegnamento e della ricerca alla facoltà di scienze farmaceutiche dell’università di Basilea in seno al gruppo Pharmaceutical Care Research
  • Dott. Jean-François Locca: farmacista responsabile FPH alla Pharmacie de Prilly (VD)
  • Dott. Mario Magada: direttore generale del gruppo Ofac

pharmacyawards.ofac.ch

icon_arrow-top.svg